iJoke! Ogni giorno una nuova barzelletta sul mondo Apple e sui suoi antagonisti

iJoke! È la prima rubrica Italiana a raccogliere ogni giorno una nuova barzelletta su iPhone, iPad e iPod Touch! Nella barzelletta di ieri ci siamo divertiti ascoltando alcune considerazioni su Windows. Oggi cercheremo di farvi sorridere nuovamente prendendo in giro Bill Gates. La barzelletta è dopo il break.

L’intelligenza di Bill Gates…


Bill Gates muore e vola in cielo. Qui incontra Dio che deve decidere il suo destino: “Tu sei un caso particolare; non so se mandarti in paradiso perché hai informatizzato la terra o all’inferno perché hai fatto Windows ’95; ho bisogno di tempo per decidere.”
Bill gli dice: “Se non ti dispiace vorrei vedere entrambi i posti prima che tu prenda una decisione”
Dio acconsente e così Bill va a visitare il paradiso. Giunto in paradiso Bill vede cieli azzurri, nuvolette, angioletti che suonano l’arpa: tutto bello e tranquilo, ma… Poco dopo va a vedere l’inferno: spiagge tropicali, casinò lussuosi, macchine da sogno, femmine favolose e disponibili, insomma, un posto magnifico con soli beni materiali.
Ritorna da Dio che gli chiede: “Allora, cose te ne pare?”
Bill: “Guarda se dipendesse da me io preferirei andare all’inferno: è un posto da sballo!”.
Dio: “Se per te va bene… mi togli dall’imbarazzo”.
Così, presa la decisione, Bill va all’inferno.
Dopo qualche settimana Dio durante le sue periodiche visite dei cieli passa dalle parti dell’inferno e trova Bill che urla incatenato tra le fiamme circondato da diavoli orrendi che lo colpiscono e infastidiscono con i forconi: “Ahhhh, Dio salvami da questo posto orribile, non ce la faccio più!”
Dio risponde: “Ma scusa non era ciò che desideravi tu?”.
Bill: “Sì ma quello era un posto meraviglioso, così è un vero inferno!”.
Dio: “Per forza! Quella era la demo, questa è la versione definitiva!!!”

Via|Pizzut

 
Speriamo che questo dialogo vi abbia divertito! Vi aspettiamo domani su Computer Lounge per la prossima barzelletta
 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *